LA PELLE SENSIBILE: ISTRUZIONI PER L'USO

Pubblicato il 31 Luglio 2019

Sempre più spesso mi capita di avere clienti che soffrono a causa della pelle irritata, squamosa o arrossata e pruriginosa.
La prima domanda è sempre la stessa: sei allergico a qualcosa? La risposta è quasi sempre NO o al massimo alla polvere...
Le domande che seguono sono ugualmente sempre le stesse:
Usi l'ammorbidente? Utilizzi biancheria in lycra o nylon o elasticizzata? E infine la domanda da un milione di dollari:
Che bagnoschiuma/ shampoo/ detergente intimo usi?
Da qui parte solitamente la mia parte da farmacista/cosmetologa/jana per trovare una soluzione ai vari problemi che mi si presentano. Ovviamente, in maniera più velata, parte anche l'opera di conversione al naturale o perlomeno al non aggressivo perchè spesso il problema non è una pelle malata ma semplicemete una pelle maltrattata.
Prima cosa da fare: eliminare le fibre sintetiche degli indumenti, che spesso vengono ben tollerate d'inverno ma appena le temperature iniziano a rialzarsi fa capolino il rossore, il fastidio e il prurito per le pelli più delicate.
Seconda cosa da fare: Eliminare l'ammorbidente. Sapete che gli ammorbidenti sono prodotti molto ricchi di profumi i quali sono i principali allergizzanti della pelle?
Terza cosa da fare: Verificare la dermocompatibilità dei detersivi che usiamo.
Mi rendo conto che passare al detersivo biologico è ancora molto difficile sia per i prezzi che per la reperibilità, ma è giusto badare a quale detersivo si sta usando al momento dell'irritazione e eventualmente sostituirlo. Eliminando questi fattori spesso eliminiamo la causa dell'irritazione e quindi rimane solamente da capire come trattare una pelle non allergica ma comunque delicata. Se la pelle è molto arrossata e fessurizzata è sempre consigliabile rivolgersi al medico o al farmacista per iniziare una terapia antinfiammatoria. Se il danno è lieve si può rimediare con i cosmetici giusti che leniscono e nutrono la pelle.
Cosa scegliere per detergere la pelle sensibile?
Ci sono diverse opzioni: per i più è sufficiente un detergente poco schiumoso, privo di sls o sles, ricco di olii ed estratti naturali che puliscono la pelle evitando di danneggiarla ulteriormente. Per chi è nel bel mezzo dell'irritazione è consigliabile un olio detergente, delicato e nutriente allo stesso tempo, perché facilita la riepitelizzazione della cute e la riformazione del film idrolipidico. E dopo il detergente che si fa?
Per concludere il tutto è sempre necessaria una crema dermoprotettiva riepitelizzante (una crema ricca di sostanze che aiutano la pelle a nutrirsi) o anche un buon olio. Spesso il semplice olio di mandorle può non bastare ma ci sono tantissimi prodotti a base di olii e cere naturali che nutrono la pelle senza ungerla.
Poi ci sono quelli che hanno voglia di testare e sperimentare e magari anche spignattare (i miei preferiti, sappiatelo!) che si cimentano nella detersione con l'amido di riso (sappiate che ho avuto il coraggio di consigliare gli impacchi all'amido di riso per un cane! Ebbene: il cane è stato subito meglio), olii nutrienti ecc... Il fai da te fatto bene dà sempre molte soddisfazioni! Va comunque fatto secondo “scienza e coscienza”, perciò per fare male meglio non fare o meglio rivolgersi a chi lo sa fare, anche solo per un suggerimento.
Nelle varie puntate di Silva Manna ho mostrato varie ricette molto semplici e facilmente realizzabili in casa: fra queste c'è anche la ricetta per la realizzazione di un bagno schiuma al miele e amido di riso, semplice ma veramente molto utile ed efficace. Se ve la siete persa la posterò presto sul sito, e nel frattempo fra qualche giorno la potrete trovare o sulla pagina facebook di silvamanna oppure sul canale you tube Silvamanna. E se dopo tutto questo parlare avete dubbi, sono sempre a vostra disposizione :)

CONDIVIDI SU:



TORNA SU