COME LEGGERE L'ETICHETTA NEI COSMETICI/1

Pubblicato il 25 gennaio 2021

Anche tu ti lasci incantare dagli aggettivi che leggi sulle confezioni dei cosmetici? Antistress, super idratante, ringiovanente, ecc., sono solo alcuni degli aggettivi che troviamo sulle etichette dei cosmetici, e hanno il compito di descrivere la funzione del prodotto, ma spesso fanno solo il gioco del marketing: aiutano a vendere prodotti più o meno efficaci. La vera efficacia di un cosmetico, tuttavia, si può testare solo provandolo.
Però un aiutino ce la può dare l'etichetta posteriore, quella scritta in piccolino, quella che pochi leggono e che quasi nessuno capisce. Ecco il primo post per imparare a leggere correttamente l'etichetta di un cosmetico, non solo INCI, ma proprio tutta l'etichetta. Non dobbiamo sapere l'inglese o il latino, basta un po' di pratica.
La prima cosa che cerco in un cosmetico sono le sostanze funzionali, quelle che fanno stare bene la pelle. "Arricchito con olio di mandorle" o frasi siimili non bastano per garantire un buon prodotto. Dobbiamo andare a cercare nell'INCI l'olio o l'estratto vegetale citato nel nome del cosmetico. Troveremo ad esempio Sweet Almond Oil, oppure Olive Oil, o il nome in latino. Ma non basta per trovare l'attivo che ci interessa. Per avere un buon prodotto le sostanze funzionali devono essere fra i primi ingredienti indicati, perché la legge prevede che gli ingredienti siano scritti in ordine decrescente. Più in fondo sono, meno olio c'è.



La seconda cosa che guardo in un'etichetta sono gli additivi e il loro numero. Gli additivi sono sostanze aggiunte agli attivi cosmetici per conferire un aspetto e un odore gradevole e mantenere inalterata la funzionalità. In una formulazione possiamo trovare solventi, emollienti, umettanti, conservanti, emulsionanti, tensioattivi, texturizzanti, antiossidanti, coloranti e profumi. Tutti sono importanti, ma nessuno è indispensabile, neanche i conservanti, figuriamoci tutto il resto. Nel caso degli additivi non vale la leggge del "più sono, meglio è", ma per me vale l'esatto contrario.



Ecco nuovamente gli INCI dei due prodotti in esame. Nella prima etichetta abbiamo 21 additivi, nella seconda ne abbiamo 9. In blu le sostanze allergizzanti contenute nella profumazione.
Questa deve essere la vostra prima occhiata veloce al supermercato, in profumeria o anche in farmacia o parafarmacia:

1- Ricerca degli additivi;
2- lunghezza dell'INCI.

Non è impossibile. Basta un po' di allenamento visivo, però se volete essere ancora più consapevoli è ora di imparare a riconoscere qualche nome fra gli additivi. Le prossime volte cercheremo di capire dove sono siliconi, peg e tensioattivi anionici.

CONDIVIDI SU:



TORNA SU